La ciumachella Va...lentina

Un giorno, passeggianno su pe’ ’na stradella 
‘ncontrai proprio pe’ caso ‘na bbella ciumachella.
Le chiesi er nome e quella m’arispose:
”M’appello Va…lentina,
e ‘sta rotella, che me trascino ‘n su la groppa,
è la mia piccola casina.”

La ciumachella Nina - come la chiamo io -
co’ le cornine dritte e delicate
scivolanno lemme lemme, su i fiori de le fate,
‘che lei nun sa la fretta cosa sia, 
ricamava, co’ ‘na scia de bava a zigo-zago,
‘no stelo d’erba schioppettina
e se portava  appresso, tutta friccicherella zigzagando,
la bella casettina...

Io la guardavo srotolare il piede maggico,
d’un bianco luccichio 
e me pareva come fosse un minuscolo
nastrino a metro, con cui Dio
misurava er Campo limitato der viver nostro,
misero e cotidiano. 
Fu allora che la prendetti ‘n mano
e che le addomandai, co’ tutta cortesia,

se avesse avuto er tempo de misurà, passeggianno,
pure la linea de la vita mia.
La ciumachella a quella mia richiesta,
restò de sale e scimunita come ‘n baccalà:  
“Che t’enteresserebbe de sapello mai? "
Me disse co’ ‘na vocetta strimenzita- 
se pure er corpo te morisse, l’Anima tua
se ripartorirebbe artre mille vorte ancora, 

scejennose le pose e pure la famija,
perché la Linea che tu vvoi misurà non c’ha ‘na fine, 
e ‘sta Vita è unica fija de ‘n Matrimonio
che nun se scioje mai! Li sposi, che so parenti
 nostri affezzionati, se chiameno Padre Infinito
e Madre Misericordiosa e loro sì,
 so’ sempre ‘nnamorati… ‘Che nun esiste
ar monno più bbella cosa de sapè 

che l’Anima è ‘nfinita, e quello che succede ‘n vita,
in tutta verità, è ‘na Favilla 
che brillerà fino a la Morte, ner Campo sconfinato
dove artre Stelle come a te, 
so scerte da la Sorte - amica,
ma nemica pure a vorte - pe’ recità 
er dramma più antico che ce sia:
Partenza, Viaggio e Fine …e così sia!”




traduzione:

La chiocciolina Va…lentina
Un giorno, passeggiando su una stradina
incontrai per caso una bella chiocciolina.
Le chiesi il nome e quella mi rispose: “Mi chiamo Va...lentina,
e questa rotella, che mi trascino sulla schiena, è la mia piccola casina.”

La chiocciolina Nina -come la chiamo io- con le piccole corna dritte e delicate
scivolando lentamente, sopra i fiori delle fate, ‘che lei non sa la fretta cosa sia, 
ricamava, con una scia di bava a zig-zag, uno stelo di erba schioppettina(1)
e si portava  dietro, tutta allegra zigzagando, la bella casettina…

Io la guardavo srotolare il piede magico, di un bianco luccichio 
e mi sembrava fosse un minuscolo nastrino a metro(2), con cui Dio 
misurava il Campo limitato del vivere nostro, misero e quotidiano. 
Fu allora che la presi in mano e che le domandai, con tutta cortesia,

se avesse avuto il tempo di misurare passeggiando, pure la linea della vita mia.
La chiocciolina a quella mia richiesta restò di sale e intontita come uno stoccafisso:  
“ Cosa t’interesserebbe saperlo? "Mi disse con una vocina flebile- 
se anche il corpo morisse, la tua Anima rinascerebbe altre mille volte ancora, 

scegliendosi il modo e anche la famiglia, perché la linea che tu vuoi misurare non ha fine, 
e questa Vita è unica figlia di un Matrimonio che non si scioglie mai! Gli sposi, che sono 
parenti nostri affezionati, si chiamano Padre Infinito e Madre Misericordiosa e loro sì,
 sono sempre innamorati… ‘Perchè non esiste al mondo più bella cosa di sapere 

che l’Anima è infinita, e quello che succede in vita in tutta verità, è una Scintilla 
che brillerà fino alla Morte, nel Campo sconfinato dove altre Stelle come te, 
sono scelte dalla Sorte - amica, ma anche nemica a volte- per recitare 
il dramma più antico che ci sia: Partenza, Viaggio e Fine …e così sia!”



1)  Silene vulgaris o Silene rigonfia, chiamata con diversi nomi,
Bubbolini, Strigoli, Carletti, Schioppettini ecc.
2)  Rif. al microgramma di Jorge Carrera Andrade ”Lo que es el caracol”.
 Caracol: la minima cinta metrica / con el que mide el campo dios.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)

Elenco opere (*)commenti

Pubblicata il 09-11-2013

Numero visite: 1088


Commento dell'autore