Le due voci

A Milleduecento  km di distanza, fra un azienda fornitrice di pezzi auto, e una 
filiale fiat,  vi lavoravano due impiegati, che   comunicavano periodicamente.
 Non si conoscevano, ma comunicavano per lavoro.
 
Erano la centralinista Clara ,e il capo officina dottor Ernesto Perino.
 Ogni giorno, o quasi, erano costretti a sentirsi, ma per loro non era una gran 
forzatura....
 Entrambi avevano voci gradevoli, di quando in quando nella lunghezza dell'attesa 
dell'interno occupato,  la deliziosa signorina Clara  interveniva con: “è ancora 
occupato”..attenda ancora in linea per favore.
”Era così dolce la sua voce, con le sue arie  di scuse che,  Il Signor Perino il 
quale normalmente era un po' bisbetico e lamentoso, si calmava .
.Quella dolce melodiosa voce lo rilassava  . Tanto che ilcapo della signorina Clara 
si raccomandava di intercedere spesso, perchè a suo parere, la fanciulla aveva 
il potere di placare le ire, del signor Perino; abbastanza giustificate,per altro, 
visto che la ditta pressso la quale Clara lavorava era in ritardo con la consegna 
dei loro  materiali.
 
Questo accadeva tanto tempo fa ,nell'era in cui non c'era facebook ,e le persone 
restavano nell'immaginario.
 Ognuno di loro, poteva dare il volto che voleva, alla persona che  parlava 
all'altro capo della città, o come in questo caso... dell'Italia. 
Un giorno le due voci scambiarono più parole del dovuto, si vollero conoscere, 
chiesero informazioni sulla loro vita privata oltre che lavorativa: 
-Ma lei quanti anni ha? -Chiese Perino
-23 anni - rispose Clara 
-é sposata?
-Si ho anche un Bimbo
-Ma è giovane!....
-si, ma sono contenta d'essere sposata, e di essere già mamma.
-e lei? È sposato, ha figli?
-Si due figli, ed ho 40 anni.  
-immaginavo avesse questa età..
-Cos'altro immaginava di me?
Quello che lei mi sta dicendo...
lei è una chiromante ….
-no , solo che a forza di parlare al telefono
ho imparato a dare un volto alle persone.
-ah si'?allora mi dica .Come m'immagina?
Clara era in difficoltà....non poteva certo dirgli che lo immaginava con un 
grosso naso....
così cercò di girare al largo, in quanto a descrizione:
-Dunque,
 altezza 1e75 
corporatura media
 capelli castani
occhiali da intellettuale....
denti bianchissimi...
carnagione abbronzata...
.fine descrizione!
Ho indovinato?
-Si sono esattamente così! 
- e lei come m'immagina?( Chiese Clara)
-Io... la immagino.... come una fata!
Bionda,
altezza media,
magra ma sinuosa...
-fuocherello!- Lo interruppe Clara con la sua risata frizzante-
 mi sa che ci ha azzeccato!intanto si è liberato l'interno le passo il mio capo!
 Clara si congedò senza attendere replica.
Perino diede un occhiata attraverso il vetro che gli rifletteva, il suo enorme 
naso, se lo grattò insoddisfatto.
 Sorrise rimirando il biancore dei suoi denti, si chiese come avesse fatto la 
centralinista ad immaginarlo così.
 Sospirò, guardando il ritratto della moglie e i figli che teneva sulla scrivania, 
e pensò che si sentiva trepidante come un ragazzo ogni volta che sentiva quella 
centralinista  con quella risata cristallina.
Per fortuna nessuno poteva sapere , che quella voce gli donava un attimo di sana 
effervescienza, non faceva  male a nessuno...., e con quella lontananza, non 
avrebbe mai potuto nemmeno sperare di poterla incontrare.<< Che peccato !>> 
Pensò ,si sarebbe dovuto accontentare semplicemente di sentirla.
 Nei tempi passati era così … tutto restava nell'immaginario, ma forse risultava 
essere più gradito, e   meno problematico;nessuna web- cam, avrebbe mai potuto 
fare la spia al   grande naso. del signor Perino. 
 Quelle voci affascinanti, avrebbero ancora potuto  sognare, anche se per pochi  
minuti di attesa telefonica ,fra i due un amore perfetto.... quel. feling delle 
loro  voci poteva continuare ad essere esercitato; in fondo non c'era nulla di 
male!  Erano   protetti dalla distanza....  ma nelle loro notti si sarebbero 
potuti incontrare, insieme passeggiare, solo nei sogni le distanze si possono 
improvvisamente accorciare... e i legami di qualsiasi genere tagliare. 
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
11-03-2016 Redazione Oceano Una meravigliosa finestra sull’immaginario dove fantasia e emozioni sono schizzi di un quadro da comporre.

Elenco opere (*)commenti

Pubblicata il 01-03-2016

Numero visite: 910


Commento dell'autore

Tratto dal mondo lavorativo
di una giovane donna;
nel mitico
millenovecentottanta,
difficoltà e lusinghe
per il mondo femminile,
conciliare casa e famiglia
non è mai stato facile