Nessuno saprà

La stessa alba ci ha sorriso
Riunendoci in un unico battito.
Mano nella mano siamo diventati amici
Figli del medesimo sogno di vita.

Ora ti vedo sbiadire
Solcato dalle fatiche del tempo
Richiuderti nel guscio degli anni
Lento il passo che avanza.

Piaga dolente per te quei momenti lontani
Inizio di un viaggio che giunge alla meta
Foglia d’autunno che lascia il suo ramo
Rimessa ai voleri di un vento impietoso.

Sono qui che ti osservo, corpo mio
Mentre asciugo le lacrime e i pensieri.
Divento ricca ad ogni ruga che ti solca
Regalo un senso ai tuoi perché.

Ogni tuo dolore un mio risveglio
Ogni mio tormento una spina al tuo fianco.
I miei silenzi il tuo buio
Una stella i sorrisi.

Ti consumi nei giorni e di te vi sarà un ricordo.
Mentre io, anima sola, nomade volerò
E nessuno saprà mai nulla di me.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
13-03-2013 Infante Maria Teresa Sicura che ci riuscirai, e non è una scommessa ma una certezza. A presto, rileggerti..
12-03-2013 Sordillo Luisa Ringrazio di cuore la Redazione Oceano per questa Menzione del giorno, che arriva a sopresa, non conoscendo ancora le iniziative del sito, ma graditissima. La poesia è un collante d'unione molto intenso e mi auguro di riuscire a trasmettervi le emozioni che, di volta in volta, mi inducono a poetare. Vi saluto con affetto. Luisa.
11-03-2013 Infante Maria Teresa Complimenti per l'esordio Luisa, è un piacere vedere le tue poesie nell'Oceano, e ti sei presentata egregiamente, con questi versi di uno spessore immenso.
10-03-2013 Redazione Oceano Vedere andar via una persona cara è come lasciarsi dietro una parte di sé, un pezzo di cuore che si stacca e non tornerà più. Versi davvero intensi nella loro struggente malinconia. Complimenti Luisa.

Elenco opere (*)commenti

Pubblicata il 04-03-2013

Conferita menzione del giorno

Numero visite: 556


Commento dell'autore

Corpo e anima,
"figli del medesimo sogno
di vita"
l'uno che sbiadisce, si piega,
"foglia d'autunno",
all'urto di un vento impietoso,
l'altra che osserva
ogni ruga che avanza, 
asciuga lacrime e pensieri,
arricchendosi ogni giorno
che passa...
l'altalenanza continua di due
viaggi distinti e paralleli
che portano a mete contrapposte:
la fine e l'immortalità.

L'analisi della coesistenza di
una discrepanza inquietante
in un unico essere.