Il mio miglior amico

Vana la speranza di Romeo
notte e dì immobil a fissar
dischiusi i tuoi occhi rievocan
tempi lieti e lontani miraggi
ad ambir corse nei campi.
Quel vezzo col suo palmo
vento, afa e gelo han supplito.
Guaiti laceranti frantuman la pace
che si percepisce nel cimitero.
Lì è il suo profumo che fiuta,
bramoso, fermo ed esil,
adagiato su quel giaciglio
ove riposa il suo amico miglior.
Stagioni ad osservar passanti
che lo invano lo sfaman 
sino al dì che neve e ghiaccio
copron Romeo e il cuor sotto il suo pelo.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
02-06-2015 Redazione Oceano I ricordi, che sfiorano i tempi andati quando ti rallegravi della compagnia del tuo miglior amico, ora sono fuggevoli come il passato. Il verso lambisce il tuo sentire e, colmo, evoca pensieri indenni al tempo e alla tua poesia.

Pubblicata il 31-05-2015

Numero visite: 671


Commento dell'autore