Vorrei

Vorrei avere la tua mano
da stringere con forza,
quando varcherò la soglia di me stessa
sfumando, 
nel mio tempo ormai scaduto.

Vorrei scrutare i miei occhi
riflessi nei tuoi occhi
per ritrovare la ragazza di ieri,
perdonando
 l’oltraggio degli anni,
passati con gli zoccoli sul viso.

Vorrei mi raccontassi un’altra volta
-sottovoce-
la favola bella che fu nostra
e  rivivere in un battito di ciglia
tutta la strada fatta insieme,
 mano nella mano.

Vorrei avere sulla pelle
il calore della tua
- conosciuta in ogni piega -
attingere un guizzo d’energia
e trovare il coraggio
per dissolvermi nel sole,
-libera-
con la tua musica
 ad allietarmi il tragitto.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
05-07-2015 Redazione Oceano Quando si scorre lo sguardo e il pensiero tra i versi e quando questi inducono a sorrisi, palpiti e brividi, la poesia prende vita ed è simbiosi in un mondo in cui sommessamente scrutiamo perché donato per essere sentito. Nei tuoi versi c’è il fluttuare tra il futuro, varco ancora indefinito, e il presente che chiede al passato i suoi sapori. Ed è fusione di un percorso che non legge ancora la sua fine ma scruta i colori vividi di una “strada fatta insieme”.

Pubblicata il 30-06-2015

Numero visite: 491


Commento dell'autore