Piazza Garibaldi

...Dalla scuola escono gli scolari. Alcuni attraversano la piazza. Due di quinta classe, in
particolare, procedono lentamente. Giovanni vede un suo amico che da mesi non va più a scuola
e gli si avvicina.

GIOVANNI: Nicola, come sono contento di rivederti!!!

NICOLA:	Giovà, anch' io so' cuntento!

GIOVANNI: Cosa fai vestito cosi?!?

NICOLA:	 Non si vede?... Faccio il muratore…. Stammo  faticanno proprio vicin' 'a scola...

GIOVANNI: Allora qualche mattina perché non vieni a trovarci? Ci farai contenti!... Sai che spesso
i compagni chiedono di te?

NICOLA:	 'E cumpagni, è? Ma 'a maestra no! ?!... A chella ha fatto piacere 'e nun me vede cchiù!  
Vi ricordate?  Diceva sempre che io ero CIUCCIO, erco 'na capa 'e rapesta!... A Natale già me 
vuleva abbuccià'lll

GIOVANNI: Ma no, non esagerare!... La maestra è così buona, è cosi seria, sta sempre...

NICOLA:	For’ ‘a porta!  Sempe for' 'a porta c' 'a maestra ‘e terza!... Guagliù, sentit 'a mme: nu
nce sta sfizio a venì a scola accussi!

GIOVANNI: Però tu eri simpatico.  Ci facevi  sempre ridere.

NICOLA:	Si. Specialmente quanno 'a maestra cercava ‘o colpevole 'e ogni cosa. … Chi ha fatto cadé' 
'a carta geografica? 

GIOVANNI: Nicola!

NICOLA:	 Uh!... Chi ha spurcato pe' tterra? 

GIOVANNI: Nicola!

NICOLA:	Chi ha zumbato pe' 'ncopp"e banchi?
 
GIOVANNI:  Nicola!

NICOLA:	Nicola!... Nicola!... Sempe Nicola!... L'avessi misso ddoie rete 'ncanna!  E vuie comm’ ‘e 
vigliacchi a ridere, a ridere, a ridere... 

GIOVANNI: Va bene... Noi ridevamo non per mortificarti, ma sai: la situazione era comica! A qualcuno
veniva la risata e per colpa di uno tutti a ridere.

NICOLA:	E io po' nun facevo bbuono a ve rompere 'a faccia for' 'a scola?

GIOVANNI: E per questo la maestra mandava a chiamare tuo padre continuamente! E tuo padre non ti ha
mandato più a scuola! 

NICOLA:	Giuvàò, io so' cuntento... Vado 'a faticà,  me guadagno 'e soldi e posso andare dove voglio!
GIOVANNI: Però cosi facendo tu non impari né a leggere né a 
          scrivere...

NICOLA:	 Ma pecché a scola me  mparavo? lo so' figlio 'e povera ggente. 'A maestra curava solo 'e 
figli 'e papà... pe' nun suda' 'nfronte!

GIOVANNI:  … ed oggi, Nico', è molto importante  saper scrivere...

NICOLA:	Ma tu che dici?  Comme si vede che si nu bravo guaglione!... '0 saje che oggi 'e megli posti
se ppigliano chilli che nun sanno né leggere e né scrivere?

GIOVANNI: Ma che dici?!?

NICOLA:  E po', chi me ‘mparava a scola?

GIOVANNI: La maestra.

NICOLA:	 'A maestra?!?... Ahàaaa!  Chella mi teneva 'ncanna!  Spalmate! Tirate di orecchie!... Tirate 
di capelli!... Cchiù ll'ore dint' 'o corridoio che dint' 'a scola!!!

GIOVANNI: Ma tu la fecevi arrabbiare, sii sincero!

NICOLA:	Sì, è vero.  Io devo fastidio.  Però... chella mi faceva proprio sfastirià!... Arrivava a
scola sempe 'e ddieci! …Si metteva a leggere  ‘o giurnale a giurnate sane …mentre 'o capoclasse - e 
nun facimmo nome-  nce faceva leggere.  Poi si ieve  a piglià' 'o ccafè... e nun turnava cchiù!... 
Sempe a parlà' co' ll'ate maestre!  'Nncíuci pettegolezzi... Nciuci... 'nciuciù, 'nciuciù, ‘nciuciù...
fiùuuuul … Quanno  po’ si ricordava 'e veni' dinto, si vuleva mangià 'o munno...  Addizioni, 
sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni. E’ vero?

GIOVANNI: Sì!

NICOLA:	 Rivoluzione francese, Carboneria, Mazzini e Garibaldi. E’ vero?

GIOVANNI:	Si!

NICOLA: Tempo presente, tempo passato, tempo futuro e 'a capa soia! E’ vero?

GIOVANNI: Si!

NICOLA:	Dint' a mmezz' ora vuleva fà chello che nun avea fatto dint' a tutta ‘a mattinata!

GIOVANNI: Si, anche questo è vero!  Però ... tu non studiavi... non facevi i compiti... non volevi 
leggere... non andavi  mai alla lavagna!

NICOLA:	'A lavagna mai... ma addaret' 'a lavagna sempe!!!  E po' se io nun me 'mparavo, era pecché 
'a maestra nun me sapeva piglià... Chella gli alunni 'e vuleva 'mparati e bbuoni.  Pecchè diceva 
sempe:  « Iate 'o tapiscuolo!... Iate  ‘o tapiscuolo! » Pecche nun teneva genio 'e faticà!  E po', 
quanno  ‘e guagliuni nun si 'mparavano, 'a colpa 'e chi era?  Mica 'a soia!... D"e signorine d"o 
tapiscuolo!  Uhé!  Sentite a mme!  Io so' cuntento 'e fà' 'o fravacatore!

GIOVANNI: Allora hai proprio deciso di non venire più a scuola?

NICOLA:	Aaah!  Pecchè vuie sperate ancora 'e me vedé'?

GIOVANNI:	Sì, certo!

NICOLA:	Pe' ve fà  ll' ate quattro risate 'ncuoll' a mme?

GIOVANNI: Ma no!  Noi ti vogliamo bene!

NICOLA:	Comme è facile a dire: « Noi ti vogliamo bene! » ... Tutte bbelle chiacchiere. Po' stavate 
sempe tutti contr' a mme!

GIOVANNI: Nicola, non esagerare.  Qualche volta ti abbiamo accusato pure ingiustamente.  Ma cosa 
vuoi: « La lingua batte dove il dente duole!! » dice il proverbio.

NICOLA:	E 'a maestra batteva sempe 'ncap' a mme, dicen"e fatti!... A scola, è vero, nun ero bbuono a
fà' niente.  Ccà invece  'o masto me sta 'mparanno a ffà' 'nu sacco 'e cose.  Proprio aieri mi
dicette: « Bravo, Nicò!  Si cuntinui accussi e te metti a faticà c' 'a capa e c' ‘o pensiero, tu 
diventi 'nu masto fravacatore! » E stammatina, pe' mme 'ncuraggià', m' ha fatto mettere dduie tufi 
c' 'a lenza.  'A maestra int' a sett' anni 'e scola, nun m'ha mai ditto 'na vota sola: 
« BRAVO.  NICO'».

GIOVANNI: Sì, questo è proprio vero!... Ma... dimmi una cosa.  La sera cosa fai dopo il lavoro? 
Vedi per televisione Capitano Harlok,.… Goldrake »,...

NICOLA:	Ma tu qua' Capitan Harlok e 'o scemo che si'.  Vuie site tutti fissati cu' cheste pazzielle!...
lo... a sera... me ne vaco a femmene!

GIOVANNI: lh! lh! lh!... Se ne va a femmene! 

NICOLA:	Sì, si, ride tu! Io me ne vaco a femmene.  C"a sigaretta 'mmocca, ‘na mano dint"a sacca... 
Nun ne faccio passà una liscia... Poi 'e nnove vaco 'o cinema a vedé' l'ultimo spettacolo!

GIOVANNI: Ah!  Ah!  Ah!  A vedere 1’ultimo spettacolo!...Ma tu non sai leggere, come fai a capire quale
film fanno?

NICOLA:	Pecche bisogna saper leggere?...Basta guardà 'o quadro. Quanno vedi 'na bella	coscia e 'nu
par' 'e zizze... capisci subbito ‘e che si tratta!

GIOVANNI: Vuoi dire che vai a vedere i film vietati ai minorenni?! ?

NICOLA:	Vietati pe'cchi, ne Giuvà? Pe 'fessi comm'a tte!  E po' sul"e cinema spuorchi fanno pe tutt' 'a 
semmana!

GIOVANNI: Eppure ero convinto che i film sporchi erano vietati  severamente  minori di diciottoanni!

NICOLA:	 Guagliù', ma vuie 'ncopp' a quale munno campate?! ? Oggi pe' fà' soldi 'a gente se vennesse 
pur"a mamma!  Vuie pecché nun ve vennite 'a maestra?... Tanto 'o meglio 'e vuie è ‘nu poco cchiù ruoccolo
'e me!

GIOVANNI: Uuuh!  Sei sempre il solito!... Non cambi mai!	

NICOLA:	Uuuh!  Sei sempre il solito!... Non cambi mai! (Se ne va canticchiando)

Tene 'e capille ricce ricce,
ll'uocchie 'e brigante e 'o sole 'nfaccia,
ogne figliola s'appiccia si 'o vede 'e passa'...
'Na sigaretta 'mmocca,
'na mano dint' 'a sacca
e se ne va smargiasso pe' tutta a città...
(rit) O sarracino, o sarracino,
bello guaglione!
O sarracino, o sarracino,
tutte 'e femmene fa suspira'...
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
24-01-2016 Redazione Oceano Difficile farsi comprendere, soprattutto se la nostra società non offre “strumenti” d’amore nell’insegnare. Tutto sembra vano quando la vita offre il nulla e da quel nulla nessuno sembra tirarti su. Bellissimo dialogo, una finestra aperta su uno scenario che fa riflettere,un futuro sbarrato percorso con la simpatica ironia della tua penna

Pubblicata il 21-01-2016

Numero visite: 547


Commento dell'autore

Un simpatico duetto tra due
amici davanti alla scuola.
Nicola si sfoga contro la
maestra che non ha mai saputo
comprenderlo.