A mio padre

Una lacrima,
un ricordo di quel giorno
lontano, che mi lasciasti
la mano; sei volato via
come una foglia d'autunno
al primo soffio di vento.
 
Rabbia dolore sconforto
mi raffioran alla mente
al ricordo di quel mesto
momento, senza un lamento
te ne sei andato e per sempre
hai lasciato chi ti ha amato.
 
Mi son sentito solo
ma non abbandonato, certo
che tu dal cielo mi avresti 
guidato nel cammino del
mio destino.
 
Dedico a te queste parole
che restan nel cuore di chi
non ti conobbe e volano
a te lassù dove ti accolse 
Gesù.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
04-08-2012 Sensi Daniela Piena di struggente malinconia..

Elenco opere (*)commenti

Pubblicata il 11-07-2012

Numero visite: 1267


Commento dell'autore