Le strade dell'anima

Percorro la strade della mia anima inquieta
ti cerco tra le pieghe del tempo 
ma con mia somma delusione
assaggio l'amaro calice della tua assenza
il vuoto circonda con i sui infidi tentacoli
il cuore, amplificando ad ogni battito
il suono
un suono che come campane a lutto
riempie le strade deserte della mia anima
cuore, mio cuore il tuo compagno di canto
sepolto sotto metri di terra umida
ha smesso di farti eco nella vita
trova la tua pace ora altrimenti
troverai solo un tormento
che come un controcanto
ti distoglie dalla retta via della vita
anima, anima persa
nel tuo peregrinare per le mie membra
nude
hai seminato nel tempo il germe della vita
dammi adesso la forza di coltivarlo e
far crescere nel cuore il tuo canto.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
20-02-2014 Castillia Vicente Il dolore ę tanto più percepibile quanto più è reale anche se a volte quanto più ê reale tanto più " difficile non dargli la maschera della finzione.
30-07-2012 Isceri Marina i brividi perchè si percepisce il tuo dolore