Elegia del silenzio

Abito il silenzio, l'assenza
l'oscura notte in cui una luna di polvere
avvolge di sgomento ogni cosa.
La notte è un mantello triste
che soffoca il grido d'avorio
di mille labbra ammutolite.
Abito il silenzio, la possibilità
abito il luogo in cui ancora nasce
il fiore della speranza, della libertà.

Lì, nel tuo cuore di pianto Ashraf
giace sconfitta la giustizia.
Quando un poeta grida la sua presenza
ogni assassino diventa poeta, suo malgrado,
ed è poesia anche la morte
che lo vogliate o no- quando
un poeta muore perisce assieme a lui
il cuore di ogni uomo che sa la fatica
del silenzio per gli occhi dei figli coraggiosi.

Quando un poeta muore
cade un pezzo di cielo in terra
ma la sua stella non smette di brillare...
Quando un poeta muore splende
ancora più forte; tra i piedi dei viventi
traccia il suo sentiero luminoso
di pace e di rispetto, di verità.
Quando un poeta muore per mano
della vigliacca ignoranza degli empi
il suo corpo non muore mai davvero,
sopravvive alle spade dell'umiliazione.

Quando un poeta muore il suo corpo
fattosi parola lo si prende di bocca
in bocca come un sacramento
e il suo nome, in questa lunga notte,
è una fiaccola accesa che arde dentro il petto;
il suo nome è una stella che esplode tra i denti
del silenzio e appicca il fuoco del coraggio.

Il suo nome illumina a giorno questa notte
violenta, la lunga notte dell'anima, Ashraf ...
Quando un poeta muore

ucciso dalla superbia di un dio nefasto
la sua poesia vive ancora di più sulla stele
del tempo e sopravvive, immortale,
a ogni lamento; non dentro un libro, no
ma sulla bocca del silenzio
sulle dita della libertà, Ashraf Fayadh!




Condannato a morte perché rifugiato o perché poeta? 
Ashraf Fayadh, 35 anni, poeta ed artista palestinese, è rappresentante 
dell'organizzazione di artisti britannico-saudita Edge of Arabia. Nel 
2013 è stato tra i curatori della mostra Rhizoma alla Biennale di 
Venezia. È stato arrestato nel gennaio del 2014 e nel maggio dello 
stesso anno è stato condannato a quattro anni di prigione e 800 frustate
da un tribunale di Abha, nel sudovest dell'Arabia Saudita. Dopo che il 
suo primo ricorso è stato respinto, una nuova corte lo ha condannato a 
morte. È accusato di aver promosso l'ateismo con i suoi testi inclusi 
nell'antologia poetica "Instructions within" (2008)
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
10-02-2016 Redazione Oceano I limiti incomprensibili delle catene umane s’imbattono inclementi dinanzi alla parola, unico ponte per carpire la strada dell’unicità. Se muore un poeta divampa il silenzio in inarrestabili ellissi senza fine che urlano il coraggio dinanzi all’immortalità delle idee.

Elenco opere (*)commenti

Pubblicata il 06-02-2016

Numero visite: 1056


Commento dell'autore