Roma de notte

Hai visto mai le strade de Roma
quanno deserte respirano de pace?
E tu passeggi ar bujo,’mbambolato,
incespicando sopra i sanpietrini
che malediresti, ad ogni passo, san Pietro
e pure tutti l’artri santi... 
E nun sei mica solo no - forse, lo pensi -
e ‘nvece lì tra le rovine aperte  de li Fori, 
ce sta na folla de gattini, a fasse ‘n bagno
de luce argentea ne le pozzanghere de Luna.
Te guarda pure Cesare da le pupille abbottonate
e pare stanco de sta’ ‘n posa lì
da più de dumila e passa anni. Penserà,
impalato su quer piedistallo:
”Quanti affanni te corrodono Roma mia?
Troppa storia te pesa addosso, forse, 
e la gente  nun te vede,  se stordisce
‘n mezzo a sto casino e ‘n fretta scappa via...
Solo le botticelle vanno ancora lente
ma li cavalli, che t’hanno a lungo carpestata,
co’ le toppe all’ occhi, poveretti,
pure loro, davero non t’hanno mai veduta!”.
Poi te vorti e senti " che poesia! -
come canteno l’ acque delle dumila e più fontane! 
Domandate a Shelley se la loro musica
da sola non varga ‘n viaggio a Roma…
che sembrano tante crocette sul la mappa
de ‘n percorso seminato de tesori. 
E poi li marmi scorpiti pe’ le vie,
li lumi antichi, li muri scorticati
...tutto te incorona, 
mia  matrona ! E ogni spigolo
e ogni sercio pare arrotondato qui...
quasi pe’ rifà er  verso ar Colosseo!
Le folle romane, le duemilaseicento 
e più formiche umane so’ tutte ne le case,
appisolate, quale silenzio!
Se sente giusto quarche ‘mbriaco
cantà sul Lungotevere 
tra le viuzze tinte de lumi fiochi de Trastevere,
fori a le trattorie.  
Solo qui non è mai davero nott
e le luci su li baracconi e li battelli 
sembrano quasi quasi tante stelle che se so affogate,
‘nvidiose , forse, 
de tutte le lucine che stanno ‘nbraccio ar Tevere,
e sembrano piombate giù 
da la volta celeste che se specchia,
senza neppure reclamà un po’ de sguardi 
d’attenzione, nello scorrere incessante
der fiume biondo verso er mare.
Roma de notte è ‘na signora ingioiellata
che ‘ndossa pe’ collana er Tevere
e ‘n grande anello ar dito su cui,
come ‘n brillocco, è assisa Licaonia.
L’hai vista mai quanno se sveglia al
la matina che pare ‘na gattina tant’è assonnata?
E’ l’urtimo istante, quello, de pace
e de silenzio prima der grande affollamento 
dopo che er bacio de messere Sole le ha messo
‘na corona d’oro pe’ cappello. 




Traduzione:

Hai mai visto le strade di Roma quando, deserte, respirano di pace? 
E tu passeggi al buio, sbalordito, inciampando sopra i sanpietrini 
che malediresti, ad ogni passo, san Pietro e pure tutti gli altri santi…
Eppure non sei solo no -forse, lo pensi- e vedi lì tra le rovine aperte 
dei Fori Imperiali, gatti ramenghi, sottrarsi all’occhio illuminato della luna.
Ti guarda pure Cesare dalle pupille vuote e bronzee che pare stanco 
di stare in posa lì da oltre 2000 anni. Penserà impalato su quel piedistallo:
”Quanti affanni ti corrodono amata mia? Troppa storia ti pesa addosso, 
forse, e la gente che non ti vede, che si stordisce in fretta scappa via…
Solo le botticelle vanno ancora lente ma i cavalli, che ti hanno a lungo calpestata,
con le toppe agli occhi, poveretti, persino loro, non ti hanno mai veduta!”.
Poi ti volti e senti "che poesia!- come cantano le acque delle duemila e più fontane! 
Chiedete a Shelley se la loro vista da sola non valga un viaggio a Roma…
che sembrano tante crocette sulla mappa di un percorso disseminato di tesori. 
I marmi scolpiti delle vie, i lumi antichi, i muri consumati 
tutto ti sublima, mia antica matrona, e ogni spigolo e ogni selcio
pare arrotondato qui… quasi per fare il verso al Colosseo!
Le folle umane, le duemilaseicento e più formiche 
son tutte nelle case, addormentate, quale silenzio!
Si sente giusto qualche ubriaco cantare sul Lungotevere 
tra le viuzze tinte di lumi fiochi di Trastevere, presso le trattorie.  
Solo qui non è mai davvero notte e le luci sui baracconi dei battelli 
fanno da contrappunto all’armonia della volta stellare
che si specchia, senza neppure reclamare un poco d’attenzione,
nello scorrere incessante del fiume biondo verso il mare.
Roma di notte è una signora ingioiellata che ha per collana il Tevere
e un grande anello al dito su cui, come un diamante, è assisa Licaonia.
L’hai vista mai quando si sveglia alla mattina che pare una gattina tant’è assonnata?
E’ l’ultimo istante, quello, di pace e di silenzio prima del grande affollamento 
dopo che il bacio di messere Sole le ha messo la corona d’oro per cappello. 


data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)

Elenco opere (*)commenti

Pubblicata il 09-11-2013

Numero visite: 1263


Commento dell'autore