Conato di delusione

Apro finestre
e cambio lenzuola,
Sfoglio quaderni
e accarezzo gli oggetti.
Tengo in vita quella stanza
nel caso tu tornassi...
Ma  la tua assenza 
grava nell'aria
e sul mio cuore.
Poi stamattina
come ogni giorno,
apro le imposte
e una zaffata di profumo 
m'iveste e mi inebria.
Per un istante,
solo un istante
sento il profumo
di vita normale. 
Intenso e struggente.
Un bacio e un pizzicotto
Sveglia! 
È ora di alzarsi 
e andare a scuola.
Il profumo svanisce,
mi guardo intorno,
la stanza è spettrale
nel suo vuoto immenso. 
Non tornerai più!
Un sorriso amaro.
Conato di delusione.
E comincia così la mia giornata.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)

Pubblicata il 27-05-2015

Numero visite: 565


Commento dell'autore