Arciere

Quale arciere al tramonto mi colpì
dagli occhi come mare,
quali perle mi donò...
...ora i pensieri marciano per le vie di maggio,
quell'ombra mio specchio appare faro,
nella notte fili d'oro della luna,
io re cavalco un puledro volante,
la mia età non ha tempo,
da sogni ho solchi di rose per ogni giorno...
lasciami la ferita spavaldo arciere
questo sangue è un fiume d'acqua pura.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)

Pubblicata il 12-08-2013

Numero visite: 674


Commento dell'autore

pochi versi d'amore