L'autunno è già inoltrato

Le mie mani cercano affannosamente affetto,
mondi blu avanzano vorticosamente.
Bianchi fantasmi ci osservano
mentre facciamo l'amore;
una figura alla finestra 
ammira il disteso oceano
dei tuoi occhi cerulei.
Marmi tenebrosi
di bianca speranza del futuro
finché la morte separa,
speranza ultima di non più soffrire.
L'addio dal mondo azzurro
del cielo della tua infanzia innocente,
sapore d'amore, sapore di vita,
pelle bruciata, scottata al bitume,
distesa, trascorrendo l'estate
tra il mare e il cielo,
sguardo infinito,
domani mi mancherai:
l'autunno è già inoltrato.



data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)

Pubblicata il 10-10-2012

Numero visite: 843


Commento dell'autore

dalla mia raccolta 

"L'ABITUDINE DI VIVERE 
Dialogo con l'uomo"

- Edizioni Tracce - 2010