I to' occhi

Taliu i to’ occhi, bedda soru mia,
e ricordu  di beddi tempi passati,
quannu, ‘nta l’occhi mi taliavi
e iò, gilusa d’ ‘u to direttu sguardu
beffa di te mi faceva.
Ora, chi di tempu assai ni passò
ritrovu ancora, forsi  chiussà ancora,
i to’ beddi occhi, c’ ‘a  stissa vardata .
Iò nun mi fazzu chiù di iddi beffa,
oji vi  leggiu  tantu  amuri,
pi  ‘na gioia ‘ranni assai.
Occhi  chi tantu vidunu e vistiru,
chini di miravigghia e pinseri,
specchiu di ‘n anima ginirusa,
vardati a lu munnu  e non chianciti,
ma jiuiti occhi priziusi.
data autore commento (si può commentare solo se si è loggati)
18-07-2014 Persico M. Rosaria Col tempo le invidie provate da bambina ci fanno sorridere,mentre immutato resta l'affetto di sorella che fa gioire insieme
08-11-2013 Vieni Rita Grazie!

Pubblicata il 16-07-2013

Numero visite: 1410


Commento dell'autore

Dedicata a mia sorella,
ai suoi begli occhi, verso i quali,
da bambina nutrivo molta invidia.
Ritrovo quell'amore immutato
nel tempo e,
quegli splendidi occhi,
brillare per un amore ancora
più grande: suo figlio.
Occhi che tanto hanno visto
e vedranno, gioite e brillate
ancor di più,
il mio augurio grande.
Con tantissimo affetto,
una sorella.