Realismo terminale

Oldani - Langella e il Realismo Terminale

Guido Oldani: Candidato al Nobel per la Letteratura - Giuseppe Langella: eletto nuovo presidente della MOD, Società italiana per lo studio Della modernità letteraria

Martedì 13 luglio 2021 rimarrà una data memorabile per noi realisti terminali e per la storia della letteratura contemporanea: Guido Oldani, padre del Realismo Terminale, è stato candidato al Nobel 2021. Le adesioni arrivano, oltre che dall’Italia, dalla Russia, dalla Cina, dalla Svezia, dagli Stati Uniti e dal Sudafrica. La candidatura è stata promossa e capitanata da Giuseppe Langella, professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea alla Cattolica di Milano, e i firmatari sono tutti nomi di prestigio dell’italianistica e della poesia mondiale.

Giuseppe Langella

Professore ordinario di Letteratura italiana moderzna e contemporanea, è tra i fondatori, con Guido Oldani, del movimento letterario del Realismo Terminale

Quest’anno è uscito Dopo l’Occidente, Lettera al Realismo Terminale di Guido Oldani, edito dalla Mursia, dove il fondatore del Movimento fa il punto della situazione a distanza di dieci anni. Ho ritenuto importante accostare a questo, la voce di Giuseppe Langella, professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea all’Università Cattolica, poeta e “cardine” del Realismo Terminale.

Dante, il semaforo fra Virtus e Realismo Terminale

Ogni qualvolta si propone un’idea, un modello nuovo, volente o nolente si va a toccare il totem dell’utopia, viaggiando su due binari paralleli, uno di non accettazione del reale e l’altro di ricerca del non reale. Se internet ha reso molto esigue le pareti fra il possibile e l’impossibile, sarebbe logico pensare che questa abbondanza di informazioni rendesse più facile la sperimentazione di nuovi percorsi aderenti alla contemporaneità.

Marco Bruni e il realismo Terminale

Artista poliedrico: musica e poesia le sue due grandi passioni Pittore e astrattista, Bruni ha studiato flauto e composizione a Firenze e a Roma e si è diplomato al conservatorio

Marco Bruni poeta pittore e musicista di Massa Marittima. La sua passione per l’arte, deriva da un’ossessione che dura tutta la vita. Infatti, fin da quando era bambino, ha sempre cercato di creare, attraverso la lettura e lo studio, opere personali in grado di rappresentare qualcosa di nuovo e di comune interesse.
Profondamente convinto che creare arte poetica, musicale, pittorica, sia un modo per entrare non solo in contatto, ma dentro le società, i suoi problemi e costumi, completandole e migliorandole. Per Marco Bruni l’atto di produrre arte condivisa può e deve essere qualcosa di utile socialmente e bello da usufruire.

Programmi in tv oggi
guarda tutti i programmi tv suprogrammi-tv.eu
Ascolta la radio
Rassegna stampa