Lucia Lo Bianco

Tempo d'Avvento. Attesa senza programmi

.
Arriva anche quest’anno il Natale, tra residui di un’Italia post pandemia ed echi di guerra dal fronte ucraino. Il mondo sembra voler reiterare le tradizioni di sempre. Si desidera così ancora il calore di una famiglia che si riunisce intorno ad una tavola per festeggiare insieme, con parenti che giungono spesso da altre parti d’Italia o del mondo oppure amici che non si incontrano da tempo. Tutti i simboli di un Natale vissuto e desiderato saranno lì: l’albero con i suoi colori e il Presepe, il più bello tra i gli addobbi perché l’italiano e fortemente legato ad una religiosità cristiana che ci appartiene.

Sembra quasi che rituali come questo possano darci conforto in un periodo molto difficile, aiutandoci ad esorcizzare la paura che continua ad assumere diverse forme collegate alla malattia, alla minaccia di un conflitto che possa riguardare anche il nostro paese e, infine, alla crisi economica che ci spingerà forse a centellinare le nostre risorse che destinavamo in passato alle spese natalizie con più liberalità.

Con la mia penna io scaverò. Seamus Heaney e la sua Digging

Le sue poesie hanno parlato al mondo intero, conquistando milioni di ammiratori. Dalla sua infanzia in un piccolo villaggio dell'Irlanda del Nord ha fatto passi da gigante fino a diventare uno dei poeti più apprezzati del mondo

Una morbida distesa di terra scura che si mescola al verde smeraldo tipico dell’Irlanda accompagna la vista mentre ci si inoltra nella contea di Derry sulle tracce del poeta Seamus Heaney, orgoglio nazionale e Premio Nobel per la letteratura nel 1995. La cittadina rurale di Bellaghy non è lontana, tra odori di letame e torba rivoltata la mente anela a scoprire il mondo del poeta, così immerso nella scrittura da ultimare nel 1966 Death of a Naturalist (Morte di un naturalista) .

Una risposta negli abissi

Il dramma delle donne: la depressione che genera mostri e le spingono a uccidere i propri figli

Un ricordo che ci accompagna sempre, soprattutto nei momenti difficili dell’età adulta, è quello dei nostri genitori – della mamma in particolare – che ci tengono per mano. Ognuno di noi ha sentito venir meno la terra sotto i piedi quando sono scomparsi e si è resi conto che quel muro fatato, dissolto come neve al sole, non ci sarebbe più stato a proteggerci dai duri colpi della vita. I genitori rappresentano un approdo sicuro per i bambini e forse per questo le notizie che possano uccidere un proprio figlio, sconvolge e destabilizza tutte le certezze.

Inseguendo un'onda


Un altro anno scolastico volge al suo naturale epilogo. Un anno di lezioni e apprendimento post pandemia e le sue naturali conseguenze e cambiamenti. Un anno di difficile riconciliazione di opposti, un ossimoro parte integrante della dura corteccia scolastica, scalfita da una tecnologia imposta da un’emergenza e giunta a soppiantare la nostra humanitas, unica vera garanzia di sviluppo e di crescita.

Programmi in tv oggi
guarda tutti i programmi tv suprogrammi-tv.eu
Ascolta la radio
Rassegna stampa