Premio Seneca. Sannicandro di Bari: alla Scoperta della location

Il castello Normanno-Svevo.
Notizie e curiosità in vista del Cerimoniale di premiazione

.
Il Castello Normanno-Svevo di Sannicandro di Bari, ubicato nella parte nord dell’abitato in pieno centro storico, è un’antica e maestosa fortezza medievale in cui sono evidenti le tracce del leggendario ordine dei Templari, che nel ’200 avevano qui una loro magione.
Isolato da una strada che corre sull’antico fossato, è composto da due parti distinte, costruite dai bizantini e dagli svevi. Un tempo la fortezza era dotata di otto torri di fortificazione di cui oggi ne sopravvivono solo sei. Di preziosa fattura sono i due portali che conservano rispettivamente i fori da cui passavano le catene del ponte levatoio e lo stemma dei principi Grimaldi, famiglia feudale che per qualche decennio detenne la struttura.
Il maniero edificato nella piccola borgata di Sannicandro, che da un secolo e mezzo appena veniva sviluppandosi ai margini dei ruderi dell’antica Castel Mezardo, fu realizzato in realtà in più fasi, a partire dal Medioevo, e in particolare dal 916, per iniziativa del generale bizantino Niccolo Piccingli, come fortilizio su ordine dell’imperatore Costantino VII a difesa delle coste pugliesi dalle invasioni saracene, periodo cui risalgono le bifore e le decorazioni delle sale superiori.

.
Successivamente, sui ruderi dell’originaria struttura fortificata, nel periodo del Regno di Ruggero II di Sicilia, i Normanni realizzarono un presidio militare con la costruzione di quattro torri d’angolo, il portale a Levante, un largo fossato e il ponte levatoio che affiancarono il torrione, isolando e proteggendo il maniero.
Il palazzo baronale fu realizzato a ridosso della cortina di settentrione, con un cunicolo di salvataggio che conduceva alla chiesa di S. Giovanni fuori le mura, costruita dagli stessi Normanni.
Nel periodo svevo, in età federiciana, il castello venne poi ulteriormente modificato e ingrandito, quando l’edificio, da militare, assunse un aspetto residenziale.
Carenti sono le notizie sugli avvenimenti svoltisi negli anni di dominio svevo.
La politica d’accentramento del potere intrapresa dall’imperatore Federico II di Svevia e la sua insofferenza nei confronti dei feudatari fanno supporre che in quel periodo il casale di Sannicandro non fosse concesso a nessun signore feudale.

Posted

19 Aug 2022

Eventi e spettacoli

Redazione



Foto dal web





Programmi in tv oggi
guarda tutti i programmi tv suprogrammi-tv.eu
Ascolta la radio
Rassegna stampa