Corrado Calabrò. il poeta dell'astrofisica

Il giurista, scrittore e poeta che ha rigenerato la poesia contemporanea aprendo la sua dimensione onirica alla scienza

Non prefazioni, commenti critici, note di lettura, elementi paratestuali; il lettore è immediatamente catapultato all’interno del breve, eppure assai notevole sentiero, che Calabrò – poeta di lungo corso con vari riconoscimenti di livello internazionale – ci propone. Vi troviamo alcune poesie già note perché apparse in precedenti raccolte – mi riferisco a quelle che riportano la data di 2000 o 2002 – e in particolare un estratto del geniale poemetto Roaming del quale il critico Fabia Baldi ha fornito una lettura attenta e perspicace in L’altrove nella poetica di Calabrò (Arace, 2019), un voluminoso saggio sull’opera di Calabrò.

Vi sono poi vari testi recentissimi, scritti negli ultimi anni dove distintamente s’imprimono in maniera visiva alcune immagini come preponderanti. Il tema cardine è sempre quello dell’amore – della donna che accompagna l’uomo, scorta e ricercata di nascosto, amata, ma anche percepita distante e, in quanto tale, viva in un sentimento d’assenza («una dolenzia intermittente /mi fa sentire che qualcuno manca», 23); c’è anche il passato – nella figura della madre, sempre molto importante – e di momenti vissuti in un tempo che ormai appare così distante.
L’elemento dominante è senz’altro l’acqua: quella del mare dell’infanzia, della passione delle pesca, della cultura marittima della regione natale ma anche nella forma di una pioggia ricorrente e martellante, fastidiosa e impertinente che, nella Capitale, dove Calabrò vive da molti anni, ritorna con puntualità a caratterizzare la dimensione metereologica (e umorale) di vari testi ivi proposti.
Pur nella forma breve della plaquette, si ritrovano con piacevolezza e un pizzico di stupore i temi fondanti e peculiari della poetica del Nostro, così distintiva e suasiva, che lo fa uno dei poeti più insigni del nostro panorama letterario odierno. A tutto questo – comprese le citazioni e i riferimenti a un universo in senso scientista che affascina da sempre Calabrò poeta dell’astro-fisica – si aggiungono alcuni elementi quali l’immancabile influenza dell’ansia generalizzata dei tempi attuali dovuti alla pandemia in atto, le considerazioni sulla terza età e finanche vagheggiamenti che riguardano un futuro possibile che coinvolge la dipartita del reale.
Nel corso delle liriche qui contenute non possono non richiamare l’attenzione i continui riferimenti che ricalcano un’idea di ciclicità del vivere, gli aspetti che trattano di un fluire, di un cambiamento che si compie nella maturazione; ciò avviene nella circostanza di un raffronto attento che s’instaura tra l’identità corporale e il sé della coscienza.
C’è – nella pregevole plaquette edita da Thule di Palermo del prof. Tommaso Romano – una predisposizione all’ascolto verso un’alterità (il titolo del libro parla appunto de L’altro) che non è tanto da vedersi in uno scambio io-tu (sebbene, come si è detto, il rapporto amoroso, dunque tra gli amanti, sia centrale e importantissimo), piuttosto tra sé, tra le componenti del proprio recondito.


    CORRADO CALABRÒ
    Presidente AGCOM Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
    Presidente onorario del Consiglio di Stato
    Già Presidente dell’Associazione magistrati del Consiglio di Stato


  • Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana;

  • Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio;

  • Medaglia d’oro al merito della sanità pubblica


Non sono, infatti, casuali – come mai nulla è nella poetica elegante e forbita del Nostro – l’immagine della cover di cui si diceva dove, un contorsionismo di quadrati con partiture di triangoli di vari colori dissonanti, crea un senso di vertigine e di spaesamento generale. Sembra di essere introiettati con forza all’interno – come risucchiati – e quasi contemporaneamente venirne sbalzati fuori – come una spirale che attanaglia e non si sa dove conduce.

L’immagine, più affine a un cubofuturismo che a un cubismo puro, richiama quella frantumazione dell’identità e quel dinamismo che, proprio nel continuo divenire, ne descrive un movimento spasmodico che attrae e crea ripulsa.
Nella prima parte della plaquette vi sono liriche che si concretizzano attorno all’immagine-emblema-simbolo-metafora dello specchio che, nella letteratura di tutti i tempi, ha sempre rivestito grande importanza con i notissimi esiti tanto nella narrativa dell’autocoscienza, psicanalitica e la filmografia allucinata e distopica.
Riporto, a tal riguardo, un estratto significativo di questa indagine io-altro dove l’elemento dello specchio, che da una parte dovrebbe fornire immagine perfetta e speculare del reale, non manca di creare fastidio, insicurezza finanche stordimento:
«M’incontro appena sveglio nello specchio/ ed allibisco/ dinanzi a un altro volto che mi guarda.// Alieno, intruso, eppure lui mi guarda/ in faccia con un’aria di sospetto.// Oh Dio!/ E se foss’io un altro da me stesso?!».
Non si dimentichi – pure – di un nonsense che aleggia, in chiusura dell’agevole volume, su una determinata lirica.
Già l’esergo – con una chiosa di Bertrand Russel – c’inserisce in questo universo fatto di doppi, di immagini e trasparenze, sembianze, ombre e duplicati quando, appunto, ci si riferisce a una supposta «somiglianza ai nostri [scopi]».
L’aeriformità della citazione non è scevra da una capacità di sintesi invidiabile che in Calabrò si esemplifica spesso con la scelta arguta e specialissima di conte-nuti: se non esiste (o non dovrebbe esistere un’aristocrazia poetica, per lo meno non nel senso che l’etimo ci fornisce) credo che possa esistere quella delle citazioni.
È un’arte originalissima e meditata, un affinamento progressivo delle grandi conoscenze acquisite, che in pochi riescono a porre con la giusta evidenza e valenza in apertura ai propri testi. Va in questa direzione la citazione del fisico americano premio Nobel nel 1979 Steven Weinberg («Più l’universo sembra comprensibile, più appare privo di scopo») anteposta al noto poemetto Roaming.

Nel luglio 2018 l’Unione Astronomica Internazionale, su proposta dell’Accademia delle Scienze di Kiev, gli ha dedicato un asteroide, 291855, per avere rigenerato la poesia aprendola, come in sogno alla scienza

Si è detto che Calabrò è con viva probabilità il poeta che nell’attualità più ha saputo interfacciarsi con la scienza, tanto la quantistica che l’astrofisica e questo è rivelato anche dall’utilizzo di un determinato lessico, dalle chiose puntuali, assertive, frutto d’indagini, circospezioni della scienza. Calabrò – al quale l’Unione Astronomica Internazionale ha attribuito il suo nome a un asteroide scoperto nel 2018 – conduce il lettore, con un linguismo parco e al contempo variegato, seducente ed evocativo, non restio a esterofilismi e a soluzioni formali innovative, una conversazione che è poetica ma al contempo ontologica, dunque filosofica, esistenziale, dunque umana, finanche scientifica, empirica, di continua interrogazione, raffronto, interfacciamento e perlustrazione.
È un domandare che evita la retorica e l’astruso, la foschia di un linguaggio che potrebbe farsi ossuto ed ellittico e che, al contrario, incide nella profondità il cuore delle argomentazioni fatte, lette, che lo animano, lo coinvolgono.
Le parole “universo”, “altro”, “stelle”, “luna”, come già rivelato altrove, rappresentano quel lastricato prediletto dove i versi si costruiscono tra nebulose e polvere in un campo infinito che l’uomo – come fece Dante, Leopardi e a seguire tutta la tradizione amorosa e malinconica della poesia vera – ammicca all’insù meravigliato.


LAUREE AD HONORIS CAUSA
Per la sua opera letteraria, l’università Mechnikov di Odessa, l’università Vest Din di Timișoara e l’università statale di Mariupol gli hanno conferito, rispettivamente nel 1997, nel 2000 e nel 2015, la Laurea Honoris Causa.

Nel 2016 l’università Lusófona di Lisbona gli ha attribuito il riconoscimento “Damião de Góis”.
Al suo libro spagnolo, Acuérdate de olvidarla, è stato conferito il Premio Internacional de Literatura “Gustavo Adolfo Bécquer” (2015)

Posted

12 Feb 2021

Critica letteraria

Lorenzo Spurio



Foto dal web





Programmi in tv oggi
guarda tutti i programmi tv suprogrammi-tv.eu
Ascolta la radio
Rassegna stampa