Margherita Calì raffinata poetessa cultrice dell’eros

Una poesia sgombra da ogni sottomissione culturale, che vola alta tra le pieghe più sfrenate senza mai sfiorare l’ordinaria trivialità pruriginosa e diviene, invece, canto sublime

La sua poesia nasce dall’esigenza di scavare nei meandri dell’anima. Quando leggo – dichiara la poetessa catanese – sono nuda completamente, sono le parole a vestirmi la pelle, le sillabe s’incuneano tra le dune del mio pensiero, bruciano la mia carne, la infiammano, la ritorcono, mi strappano le lacrime, mi donano un sorriso.






Soffiando sulle parole, come fossero foglie nel vento, si sveste senza tener conto degli orpelli e crea una poesia audace. Con lei, la poesia diventa impeto travolgente che sogna se stesso e si permette il lusso di azzardare. Una poesia non per essere letta, ma guardata, avvinta, vissuta, e poi, infine, contemplata… Certamente, una poesia sgombra da ogni sottomissione culturale, che vola alta tra le pieghe più sfrenate senza mai sfiorare l’ordinaria trivialità pruriginosa e diviene, invece, canto sublime. Perché ardita com’è, Margherita pensa d’amore, sussurra d’amore e immagina notti d’amore, nel vano nascosto della sua disarmante fantasia.

Margherita Calì nata a Catania, vive e opera ad Acireale. È una giovane e raffinata poetessa cultrice dell’eros. Dotata di una passionalità travolgente, senza sfiorare l’ordinaria trivialità pruriginosa, è riuscita a descrivere in maniera quasi palpabile l’ardimento del corpo e la luce di cui è investita l’anima nel momento culminante dell’amore.
Laureata in ingegneria meccanica. Ha sempre amato l’arte sotto tutte le sue forme. Ama scrivere, leggere ed ha già all’attivo diverse pubblicazioni. La sua poetica riflette quella della grande Alda Merini. Le sue sono parole vibranti, toccanti, accese in un continuo fluire di emozioni che prendono vita in un susseguirsi di immagini che si accavallano nei disegni della mente e nei battiti del corpo. I respiri dell’anima hanno voce attraverso i versi. I sensi acquistano vita attraverso le parole che celano un’aura di sensualità e spiccata eleganza poetica.

Diverse sono le sue pubblicazioni: Vestita di me soltanto, (2012), classificatasi 1° vincitrice assoluta per la sezione libri di poesia Italia al concorso “La Finestra Eterea” indetto a Cinisello Balsamo (MI) il 28 settembre 2013; Labbra di caramella, (2013), una raccolta di poesie passionali, in cui il poeta e commediografo Alessio Patti traduce in lingua poetica siciliana i suoi versi arditi; Sopraggiungimi Lontano, (2014), una raccolta intima di poesie d’amore e passione.
Ha anche all’attivo la sua presenza poetica su alcune antologie, nonché vari attestati di finalista a concorsi poetici.
Sulla sua attività letteraria hanno scritto di lei: Alessio Patti, Federico Guastalla, Domenico Strano, Grazia Calanna.

Posted

11 Apr 2020

In giro per il web

Josè Russotti



Foto dal web





Programmi in tv oggi
guarda tutti i programmi tv suprogrammi-tv.eu
Ascolta la radio
Rassegna stampa