I racconti di Lucio J. di Antonia Izzi Rufo

Un libro non solo per bambini o ragazzi, ma anche e soprattutto per grandi, disposti ad apprendere le cose buone e semplici del mondo dei bambini

In questo piccolo volume Antonia Izzi Rufo ci propone una silloge di racconti dedicati a Lucio, suo nipote, e a tutti i bambini del mondo. La scrittrice, laureata in Pedagogia, è un’insegnante in pensione che ha pubblicato oltre settanta opere ricevendo molti premi. Con un linguaggio semplice e facilmente comprensibile, narra dei piccoli e grandi problemi che si posso-no incontrare nella vita. Ad esempio il voler essere giovani a tutti i costi, le piccole realtà che possono cambiare nel mondo del bambino, la capacità di adattarsi a queste nuove realtà, l’importanza della famiglia ed il suo sostegno, il ruolo svolto dai nonni nella vita affettiva dei nipoti, l’importanza della fantasia nel bambino ed il diritto al gioco. Sono tutti argomenti attuali.

Nel racconto “Ringiovanire è veramente positivo?” La protagonista Rosina viene ringiovanita da un folletto, ma solo esteriormente, poiché dentro rimane anziana e ciò la rende triste. Alla fine ca-pisce l’importanza del trascorrere del tempo e dice: “Preferisco essere vecchia dentro e fuori. In verità, ogni stadio della vita presenta i suoi lati positivi e negativi. Io, ora, sono me stessa. Con-servo la mia esperienza e la mia saggezza... Ma che sciocca che sono stata!”.
In “A casa del nonno” racconta del rapporto di rispetto e sostegno che può crearsi tra un nonno e suo nipote e come può far bene all’uno e all’altro lo stare insieme e condividere splendidi momenti di allegria.

Le storie che la Rufo racconta hanno un evidente intento pedagogico, utile per preparare i più piccoli alle problematiche che gli si possono presentare nel percorso che li porterà alla maturità.


L’autrice descrive, inoltre, Lucio intelligente, loquace, capace di inventare favole aiutandosi con una grande capacità mimica. Lucio non è solo il protagonista di alcuni racconti, ma è anche il simbolo di tutti quei bambini fortunati che hanno una famiglia, che sono dunque aiutati e sostenuti durante la crescita. Sono brevi storie che possono essere lette ed apprezzate anche dai più grandi. Le storie che la Rufo racconta hanno un evidente intento pedagogico, utile per preparare i più pic-coli alle problematiche che gli si possono presentare nel percorso che li porterà alla maturità. Le favole, i racconti in genere, sono sempre stati importanti per i bambini perché sviluppano l’immaginazione, danno ai genitori l’opportunità di insegnare loro il pensiero critico e parlando della vita e delle esperienze vissute, richiedono da parte del bambino, un’elaborazione personale dei fatti narrati.


Carta e Penna Editore, 2019

Posted

08 Jun 2020

Critica letteraria

Manuela Mazzola



Foto dal web





Programmi in tv oggi
guarda tutti i programmi tv suprogrammi-tv.eu
Ascolta la radio
Rassegna stampa